Un altro tre a zero e altri punti in classifica.

Matteo QuarantaContro l’Aurelio, domenica scorsa, i ragazzi della Seconda Divisione della Palombara Pallavolo hanno dimostrato di non mollare. Di crederci. Domenica prossima in casa contro l’Astrolabio per altri punti da conquistare. Mister Guzzardi porta avanti il progetto con entusiasmo trasmettendo a tutto il gruppo la voglia di fare bene e divertirsi. C’è comunque sintonia. Il team è capitanato da Matteo Quaranta, maglia numero 1: massima disponibilità ed umiltà nel raccontarci la squadra, il cammino stagionale e tanto altro…

Matteo, siete partiti con molta umiltà e vi ritrovate ai vertici del girone….

“Senza umiltà (nello sport come nella vita) non si possono ottenere risultati. Studiamo col sorriso e la voglia di divertirci. Questa serenità ci ha portato dove siamo”.

Che gruppo siete?

“Siamo un gruppo di amici che si diverte nello stare insieme e si aiuta nei momenti di difficoltà…”.

Vi sarete dati sicuramente un obiettivo stagionale…

“Siamo partiti con l’obiettivo di ben figurare ma, come si dice…siamo in ballo e allora balliamo…abbiamo tutti i mezzi per poter restare in quota ma tutto dipende da noi…se abbassiamo il livello di concentrazione diventiamo una squadra modesta ma abbiamo anche la consapevolezza che se giochiamo mantenendo la lucidità possiamo toglierci belle soddisfazioni”.

Avrai notato sicuramente punti deboli ma anche punti di forza nella tua squadra…

“Un grande difetto credo che sia quello di passare da momenti di pallavolo di alta qualità a momenti di vuoto dove (ed è successo in qualche occasione di troppo) rendiamo fenomeni squadre nettamente inferiori a noi. Questo ci ha causato la perdita di qualche punto di troppo altrimenti a quest’ora potevamo parlare di un altro tipo di classifica. Il mix di età e di esperienza ci permette di vivere quotidianamente quella sana competizione che nello sport non guasta mai…discorso che non vale per Carlo “lo zio” Simeoni che dalla sua reverenda età ormai fa lo spettatore”.

Raccontaci di te…come hai cominciato, le tue esperienze sportive…Come ti trovi con la Palombara Pallavolo?

“Ho giocato con la maggior parte dei miei compagni di squadra già 4 anni fa a Monterotondo dove abbiamo vinto la 3^ divisione conquistando la 2^. L’anno successivo abbiamo iniziato la nostra avventura a Palombara. Io a fine campionato di seconda sono andato via per questioni personali. Quest’anno compio 30 anni di pallavolo…considerando che sono del 1981…è il momento di andare in pensione…e non c’era squadra migliore per questa ultima avventura…reputo questi ragazzi come fratelli…e gli voglio veramente bene. Mi hanno permesso di essere il loro capitano…per me un onore, per questo non posso che ringraziarli”.

Su quali aspetti in particolare vi state allenando…

“Mister Gianluca Guzzardi ci sta facendo allenare sul ritmo. Non possiamo più perdere punti. Un secondo aspetto dove stiamo cercando di migliorare è la fase di muro/difesa”.

Siete arrivati a solamente un terzo delle giornate di campionato: strada da percorre ancora c’è…ma finora che avversari avete incontrato, che livello di gioco hai osservato?

“Il livello delle squadre che abbiamo affrontato fin ora…io credo che in classifica ci manchino dei punti. Per nostro demerito più che per merito degli avversari, perché quando in due-tre partite vai sopra di 2 set a 0 e dall’inizio del 3° set si spenge la luce…e ci capita di avere in mano le palle dei match point che vengono sbagliate…in queste circostanze abbiamo regalato punti. Ripeto, la nostra è una classifica un po’ bugiarda. Iniziando il girone di ritorno il nostro obiettivo è senz’altro quello di raccogliere ciò che abbiamo lasciato per strada e se poi qualcuna delle squadre di testa ci facesse un regalo…noi saremo pronti a riceverlo”.

Condividi con i tuoi amici